Sulla siria la propaganda europea ha lavorato bene

devastazioni siriane

Tutto quello che ti è stato detto sulla guerra siriana era sbagliato, finora

Raccontava Stefano Chiarini che i rais mediorientali, in fondo, si somigliavano tutti. Anche quelli che avevano studiato in Occidente – quasi tutti quelli giovani, ora – se volevano governare i loro paesi dovevano fare i conti con le culture, gli interessi, le tribù (vagli a spiegare la società a struttura tribale a chi immagina esistano solo “gli individui”, ovviamente “liberi” per definizione giuridica e non per condizione reale).

“Progressisti” o meno si vedeva dalle politiche sociali che mettevano in atto, non certo dal tasso di “democraticità” dei processi decisionali.

Quando poi interagivano tra loro, attuando la geopolitica dell’area, in combinazione o conflitto con le superpotenze, le differenze residue scomparivano, perché era il terreno della lotta di tutti contro tutti, con qualsiasi mezzo. Per vivere o morire.

Come nel nostro mondo “civile”, del resto, ma con molte maschere in meno.

Difficile, per noi, rendere chiara una condizione esistenziale che non ci appartiene (o almeno non ci appartiene completamente). Ogni tanto, però, un raggio di luce arriva anche dagli anfratti ancora non “tappati” del giornalismo globale, grazie alla serissima attività di pochi vecchi leoni che renderebbero più simpatica questa categoria, se solo non fossero ridotti ormai a mosche bianche.

Questo articolo di Robert Fisk, apparso sul quotidiano inglese The Indipendent, la settimana scorsa, straccia tutte le veline sperse a piene mani per anni sulle ragioni, l’andamento e gli attori della guerra in Siria. Spiazza anche molta compagneria, crediamo, sempre pronta a dividere il mondo in due (i buoni e i cattivi, per capirci), anche quando i “buoni” sono davvero da trovare col lanternino e i “cattivi” sono da tutte le parti.

Soprattutto, quando c’è da capire che “le parti in gioco” sono decisamente più numerose delle dita di cui disponiamo (piedi compresi), e si scambiano allegramente – sparando, quasi sempre – il ruolo di alleato, nemico, fiancheggiatore, complice, amico.

Robert Fisk – uno dei pochi ad aver girato le guerre nel mondo musulmano, spesso a piedi e assolutamente not embedded (tra gli italiani, oltre il compiano Stefano Chiarini, c’è in pratica il solo Alberto Negri) – ci ricostruisce una storia infernale, in partibus infidelium. Si può restare sorpresi, si può masticare amaro, si può contestare questa o quell’affermazione che rivela una sua impostazione culturale e ideologica diversa dalla nostra.

Ma questa è informazione di prima qualità, di chi ha conosciuto, viaggiato, parlato, discusso, con gente di cui quasi tutti noi abbiamo soltanto sentito parlare. Meglio farci i conti e conoscerla, senza la miseranda tentazione di prendere solo il “pezzetto” che conferma qualche nostra illusoria convinzione, costruita inevitabilmente a tavolino. O, come si dice adesso, alla tastiera.

*****

Tutto ciò che ti è stato detto sulla guerra siriana era sbagliato – fino ad ora
Robert Fisk, da Beirut – The Indipendent

Che le guerre terminino in modo molto diverso dalle nostre stesse aspettative – o dai nostri piani – è stato stabilito molto tempo fa. Il fatto che “noi” abbiamo vinto la seconda guerra mondiale non significava che gli americani avrebbero vinto la guerra del Vietnam o che la Francia avrebbe sconfitto i suoi nemici in Algeria. Tuttavia, nel momento in cui decidiamo chi sono i bravi ragazzi e chi i mostri malvagi che dobbiamo distruggere, ricadiamo di nuovo nei nostri vecchi errori.

Poiché odiamo, detestiamo e demonizziamo Saddam, Gheddafi o Assad, siamo sicuri – siamo assolutamente convinti – che saranno detronizzati e che i cieli blu della libertà splenderanno sulle loro terre rotte. È infantile, immaturo, bambinesco (anche se, data la spazzatura che siamo disposti a consumare sulla Brexit, suppongo non sia molto sorprendente).

Bene, la morte di Saddam ha causato all’Iraq la sofferenza più inimmaginabile. Anche l’assassinio di Gheddafi, accanto alla fogna più famosa della Libia. Per quanto riguarda Bashar al-Assad, lungi dall’essere rovesciato, è emerso come il più grande vincitore della guerra siriana. Insistiamo ancora sul fatto che deve andarsene. Intendiamo comunque processare i criminali di guerra siriani – e giustamente – ma il regime siriano è emerso al di sopra della marea di guerra intatto, vivo e con il più affidabile alleato dotato di superpoteri che uno stato del Medio Oriente possa avere: il Cremlino.

Disprezzo la parola “cura”. Tutti sembrano curare scenari, curare conversazioni politiche o curare portafogli di affari. Sembra che siamo dipendenti da queste curiose e terribili parole. Ma per una volta la userò in forma reale: coloro che hanno curato la storia – la narrazione – della guerra siriana, hanno sbagliato tutto fin dall’inizio.

Bashar sarebbe andato via. L’esercito siriano libero, presumibilmente composto da decine di migliaia di disertori dell’esercito siriano e dai manifestanti disarmati di Darayya, Damasco e Homs, avrebbero cacciato la famiglia Assad dal potere. E, naturalmente, sarebbe scoppiata la democrazia in stile occidentale e il secolarismo – che in realtà era il fondamento del partito Baath – sarebbe diventato la base di un nuovo stato arabo liberale.

Lasciamo da parte per ora una delle vere ragioni del sostegno da parte dell’Occidente alla ribellione: distruggere l’unico alleato arabo dell’Iran.

Non avevamo previsto l’arrivo di al-Qaeda, ora purificata con il nome di Nusrah. Non immaginavamo che l’incubo dell’Isis sarebbe emerso come un genio dai deserti orientali. Né abbiamo capito – né ci è stato detto – come questi culti islamici potessero consumare la rivoluzione popolare in cui credevamo.

Ancora oggi, sto solo cominciando a scoprire come la ribellione “moderata” della Siria si sia trasformata nella apocalittica macchina per uccidere dello Stato Islamico.

Alcuni gruppi islamisti (non tutti, in alcun modo, e non è stata una semplice transizione) erano lì fin dall’inizio. Erano a Homs già nel 2012.

Ciò non significa che i (primi) ribelli siriani non fossero figure coraggiose e di mentalità democratica. Ma furono fortemente esagerati nell’ovest. Mentre David Cameron stava fantasticando sui 70.000 “moderati” dell’Esercito siriano libero (FSA) che combattevano contro il regime di Assad – non ce ne sono mai stati forse più di 7.000, al massimo – l’esercito siriano stava già parlando con loro, a volte direttamente al cellulare, per convincerli a tornare alle loro unità nell’esercito governativo originale, o ad abbandonare una città senza combattere, o scambiare con cibo i soldati del governo prigionieri. Gli ufficiali siriani direbbero che hanno sempre preferito combattere l’FSA perché erano fuggiti; Nusrah e Isis no.

Eppure oggi, mentre riportiamo i risultati dell’invasione turca della Siria settentrionale, stiamo usando una strana espressione per gli alleati della milizia araba turca. Sono chiamati “Esercito nazionale siriano” – al contrario dell’esercito arabo siriano originale e ancora molto esistente del governo Assad.

Vincent Durac, professore di politica mediorientale a Dublino, la scorsa settimana ha persino scritto che questi alleati della milizia araba erano “una creazione della Turchia”.

Questo non ha senso. Sono il relitto dell’originale e ora completamente screditato Esercito siriano libero – le mitiche legioni di David Cameron la cui misteriosa composizione, ricordo, una volta fu spiegata ai parlamentari britannici dal Generale Messenger , come venne gloriosamente chiamato.

Pochissimi giornalisti (con la lodevole eccezione di quelli che lavorano su Channel 4 News) hanno spiegato questo importantissimo fatto della guerra, anche se alcuni filmati mostrano chiaramente i miliziani pagati dalla Turchia che brandiscono la vecchia bandiera verde, bianca e nera dell’esercito siriano libero.

Era la stessa ex brigata dell’FSA che l’anno scorso entrò nell’enclave curda di Afrin e aiutò i loro colleghi di Nusrah a saccheggiare case e aziende curde. I turchi hanno definito questo violento atto di occupazione “Operazione Ramoscello d’Ulivo”. Ancora più assurdo, la sua ultima invasione si chiama “Operazione Primavera di Pace”.

C’è stato un tempo in cui ciò avrebbe provocato disprezzo e risate suaiate. Oggi non più. Oggi i media hanno ampiamente trattato questa ridicola nomenclatura con un qualcosa che si avvicina al rispetto.

Abbiamo giocato gli stessi trucchi con le cosiddette forze democratiche siriane (SDF) sostenute dagli americani. Come ho detto prima, quasi tutti gli SDF sono curdi e non sono mai stati eletti, scelti o hanno aderito democraticamente all’SDF. In effetti, la milizia non aveva assolutamente nulla di democratico e la sua “forza” esisteva solo fintanto che era sostenuta dall’aeronautica americana. Eppure le forze democratiche siriane hanno mantenuto il loro titolo intatto e ampiamente adottato in modo indiscusso dai media.

Ma quando i turchi invasero la Siria, per scacciarli dal confine tra Siria e Turchia, improvvisamente furono trasformati da noi in “forze curde” – cosa che in gran parte erano anche prima – che erano state tradite dagli americani (cosa che sicuramente è avvenuta).

L’ironia, che è stata dimenticata o semplicemente ignorata, è che quando nel 2012 i combattimenti sono iniziati ad Aleppo, i curdi hanno aiutato la FSA a prendere diverse aree della città. I due fronti stavano poi combattendo l’un contro l’altro sette anni dopo, quando i turchi hanno invaso la “libera” frontiera curda del Rojava.

Ancor meno pubblicizzato è stato il fatto che l’avanzata turco-FSA in Siria ha permesso a migliaia di abitanti dei villaggi arabi siriani di tornare nelle case conquistate dai curdi, quando avevano creato lì il loro staterello condannato dopo l’inizio della guerra.

Ma la narrazione di questa guerra è ora ulteriormente distorta dalla nostra sospensione di qualsiasi comprensione critica del nuovo ruolo dell’Arabia Saudita nella debacle siriana.

Negare, negare e negare è la politica saudita, quando gli è stato chiesto quale assistenza abbia fornito ai ribelli islamisti anti-Assad in Siria. Anche quando ho trovato documenti sulle armi in Bosnia in una base di Nusrah ad Aleppo, firmata da un produttore di armi vicino a Sarajevo, chiamato Ifet Krnjic – e anche quando ho rintracciato Krnjic stesso, che ha spiegato come le armi erano state inviate in Arabia Saudita (ha anche descritto i funzionari sauditi con cui ha parlato nella sua fabbrica) – i sauditi hanno negato i fatti.

Eppure oggi, quasi incredibilmente, sembra che gli stessi sauditi stiano ora contemplando un approccio completamente nuovo alla Siria. Già i loro alleati degli Emirati Arabi Uniti nella guerra yemenita (un’altra catastrofe saudita) hanno riaperto la loro ambasciata a Damasco: una decisione molto significativa da parte dello stato del Golfo, sebbene ampiamente ignorata in Occidente.

Ora, a quanto pare, i sauditi stanno pensando di rafforzare la loro cooperazione con la Russia finanziando, insieme agli Emirati e forse anche al Kuwait, la ricostruzione della Siria.

Quindi i sauditi sarebbero diventati più importanti per il regime siriano rispetto all’Iran che “violava le sanzioni” e forse avrebbe impedito le relazioni sempre più calde, seppur discrete, del Qatar con Bashar al-Assad.

Il Qatar, nonostante il suo impero mondiale Al-Jazeera, vogliono espandere il loro potere sulla terra reale e fisica; e la Siria è un obiettivo ovvio per la loro generosità e ricchezza. Ma se i sauditi decidessero di assumere questo ruolo oneroso, allo stesso tempo il regno farebbe a pezzi sia l’Iran che il Qatar. O almeno così crede.

I siriani – la cui politica principale in questi periodi è di aspettare, aspettare e aspettare – ovviamente, decideranno come giocare con le ambizioni dei loro vicini.

Ma l’interesse saudita per la Siria non è solo una congettura. Il principe ereditario Mohammed bin Salman ha osservato alla rivista Time nell’agosto dell’anno scorso che “Bashar rimarrà. Ma credo che l’interesse di Bashar non sia quello di lasciare che gli iraniani facciano ciò che vogliono fare.”

I siriani e i bahrainis parlano regolarmente del Levante del dopoguerra. Gli Emirati potrebbero persino negoziare tra sauditi e siriani. Gli stati del Golfo stanno ora dicendo che è stato un errore sospendere l’adesione della Siria alla Lega araba.

In altre parole, la Siria – con l’incoraggiamento russo – sta riprendendo rapidamente il ruolo che ha mantenuto prima della rivolta del 2011.

Non era quello che immaginavamo in Occidente allora, quando i nostri ambasciatori a Damasco incoraggiavano i manifestanti siriani di strada a continuare la loro lotta contro il regime; in effetti, quando hanno specificamente detto ai manifestanti di non parlare o negoziare nemmeno con il governo di Assad.

Ma questo accadeva nei tempi prima che emergessero due elementi folli per distruggere tutti i nostri presupposti, seminando paura e sfiducia in tutto il Medio Oriente: Donald Trump e Isis.

fonte : http://contropiano.org/news/internazionale-news/2019/11/12/tutto-quello-...